Requisiti di definizione del bibliotecario richiesti dalla Legge 110/14

Standard

Ecco la nostra proposta per i requisiti di definizione del bibliotecario richiesti dalla Legge 110/14, formulata in collaborazione con il Coordinamento Confassociazioni Professioni Culturali:

http://www.confassociazioni.eu/proposta-legge-1102014/

Cosa ne pensate?

Advertisements

PARLIAMONE – Mi sono laureato. E ora?! Suggerimenti su come cercare (e trovare) lavoro

Standard

A esattamente un anno dal primo appuntamento, i GBeA organizzano un altro incontro virtuale sul mondo del lavoro.

Ci incontriamo giovedì 11 dicembre alle 21.30 qui: https://www.anymeeting.com/462-698-542

L’incontro sarà organizzato in tre sessioni e moderato da 3 membri del gruppo, tutti possono intervenire e dire la loro (nei limiti del tempo previsto).

I Formazione – Francesca Pisano
Quali sono i corsi di laurea riconosciuti e quali i corsi professionalizzanti più utili.

II Cercare lavoro – Nadia Di Bella
Quali sono gli strumenti e le strategie per cercare lavoro.

III Ottenere la posizione – Chiara Consonni
Alcuni suggerimenti su come presentarsi al potenziale datore di lavoro e quali sono gli aspetti davvero importanti in un CV.

Cultura è lavoro: successo per la manifestazione al Pantheon contro le politiche culturali del Governo

Standard

 Roma, 1 dicembre – Un secco no alle politiche occupazionali del Governo Renzi nei beni culturali, quello che arriva dalle associazioni di professionisti che sabato 29 novembre hanno occupato il Pantheon in un blitz spontaneo al termine della manifestazione “Cultura è lavoro” indetta dal coordinamento Confassociazioni Beni Culturali, cui hanno aderito numerose Associazioni di settore ( qui: http://www.confassociazioni.eu/29n-adesioni/)
Archeologi, archivisti, bibliotecari, restauratori e storici dell’arte hanno portato le loro istanze, sintetizzate in 9 punti (qui: http://www.confassociazioni.eu/…/uploads/2014/11/Cosa-chied… ), sfidando il ministro Franceschini sulle dichiarazioni del suo insediamento: “Il Ministero dei Beni Culturali è il più importante ministero economico del Paese”.

“La manifestazione al Pantheon – dichiara Angelo Deiana, presidente Confassociazioni – dimostra che i professionisti dei Beni Culturali sono sempre più determinati nel ribadire con forza la necessità di un reale cambiamento di rotta nelle politiche culturali del Paese, per il recupero della dignità professionale ed in difesa delle proprie competenze. E un risultato parziale si è avuto domenica con l’approvazione alla Camera della legge di Stabilità che conferma l’aliquota al 24% per i professionisti iscritti alla gestione separata INPS”

“Esprimiamo la nostra soddisfazione – dichiara Raffaele Di Costanzo, portavoce di Arch. I. M. – per la riuscita della manifestazione e siamo disponibili ad intraprendere ogni e più opportuna iniziativa volta a tutelare la credibilità e la dignità dei professionisti dei BB.CC. Auspichiamo che il neonato coordinamento di Confassociazioni Beni Culturali possa determinare le condizioni organizzative essenziali per l’apertura di un dialogo con le istituzioni nazionali e regionali e locali volta ad avviare politiche di investimento e di occupazione in ogni settore dei beni culturali.”

“Come storici dell’arte – dichiara Stefania Ventra, portavoce Startim – non importa se impegnati nella ricerca o nella tutela, o se operanti come liberi professionisti, la sfida comune è la difesa dei nostri diritti e delle nostre competenze come lavoratori, e la salvaguardia del patrimonio culturale come patrimonio della cittadinanza intera.”

“Le scelte ottuse e le finte riforme operate dalle attuali Istituzioni stanno danneggiando inesorabilmente il nostro prezioso patrimonio culturale – dichiara Beatrice Mastrorilli per SAU – e come se non bastasse la logica del massimo ribasso, esplicata attraverso l’incapacità politica di creare offerta occupazionale concreta, laddove ve ne sarebbe opportunità, offende e frustra tutta una generazione di eccellenti specialisti costringendola al più umiliante precariato. “

”Chi studia beni culturali, archeologia, restauro, storia e storia dell’arte vede all’orizzonte un futuro di precarietà e basse retribuzioni. – racconta Guido Cioni dell’esecutivo nazionale della Rete della Conoscenza – È il frutto di una politica miope che umilia gli operatori dei beni culturali e disconosce un’intera generazione altamente formata in atenei e scuole di specializzazione spingendola alla fuga verso l’estero. Per questo come studenti siamo scesi in piazza a fianco dei professionisti dei beni culturali”

“Non c’è tutela e valorizzazione dei beni culturali – afferma Nadia Di Bella, portavoce GBeA – senza un’adeguata strategia di pianificazione e programmazione di medio e lungo termine che, per sua natura, richiede investimenti economici.”

“Il Ministro Franceschini non può fingere che non esistiamo! – incalza Andrea Cipriani, Associazione La Ragione del Restauro – Credo sia indispensabile un incontro in tempi stretti con il ministro e con le commissioni parlamentari incaricate. Questa situazione è durata troppo a lungo! I professionisti dei Beni Culturali non sono più disposti a subire passivamente, il Governo e le Istituzioni non possono più ignorarci”.

“Al Ministro Franceschini – conclude Salvo Barrano, presidente dell’Associazione Nazionale Archeologi e portavoce del Coordinamento Confassociazioni Beni Culturali – ribadiamo: lo sviluppo, per essere tale, deve generare lavoro e ricchezza. Senza lavoro diventa solo un tirare a campare, magari assegnando qualche spiccio per qualche mese a qualche giovane. O peggio: prendendo soldi dalla Cultura senza volerli reinvestire creando buona occupazione”.

gratis

Tanti auguri GBeA!

Standard

Incredibile ma vero, i GBeA oggi compiono un anno!

Ricordo come se fosse ieri la sera in cui, presa da un raptus d’indignazione e mossa dalla proverbiale voglia di fare, aprii il gruppo “Giovani Bibliotecari e Aspiranti” in LinkedIn con l’obbiettivo di creare “un luogo in più dove i giovani professionisti (e aspiranti) possano incontrarsi, elaborare idee concrete, avanzare proposte, e, perché no, scambiare preziosi consigli”.

Con mia grande sorpresa la risposta fu subito molto positiva e in poche settimane gli iscritti erano già 140. Dopo i primi incontri via web e di persona (in particolare ricordo la manifestazione 500 NO al Mibact e il convegno delle Stelline 2014) anche le idee e soprattutto le attività iniziarono a non mancare.

Elenco qui velocemente le più interessanti:

– Traduzione dell’IFLA Trend Report;
– creazione di un elenco di riviste di settore per orientare alla ricerca;
– organizzazione di webinar tematici;
– partecipazione a interventi e incontri (es. Salone dell’Arte e del restauro, XVIII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico);
– impegno contro l’abuso del volontariato;
– stesura di un elenco di enti e cooperative attive nel settore bibliotecario, utile per chi è in cerca di lavoro;
– partecipazione al Coordinamento nazionale per gli archivi e per le biblioteche;
– raccolta e pubblicazione di offerte di lavoro;
– moderazione e promozione della discussione sulle tematiche più interessanti del settore.

Sono proprio soddisfazioni, e la cosa più bella del nostro gruppo è il clima propositivo e vigile che si è creato. Chiunque abbia un’idea la propone al gruppo e si impegna a realizzarla in prima persona con il supporto degli altri, niente più e niente meno.

Naturalmente i propositi per il futuro sono tanti e il fatto che proprio qualche giorno fa il gruppo Facebook abbia raggiunto i mille like (!), ci dà l’entusiasmo per tentare di realizzarne qualcuno.
In particolare ci piacerebbe:

– continuare i lavori sull’IFLA Trend Report;
– creare una piattaforma dedicata al mondo del lavoro;
– organizzare più occasioni d’incontro e condivisione con tutta la comunità bibliotecaria.

Non posso infine perdere l’occasione per ringraziare Nadia e Francesca (che il cielo le benedica!), le due vere colonne portanti del gruppo che oltre a metterci tanto tempo e la faccia, ci mettono anche tanto, tantissimo entusiasmo, e questo è il regalo più prezioso.

Chiara

Al seminario “Una biblioteca per amica: gli Amici della biblioteca”

Standard

Avevo da poco compiuto vent’anni quando ho visitato la Biblioteca San Giorgio di Pistoia per la prima volta. Allora stavo seguendo i primi corsi biblioteconomici all’Università e, prendendo un poco di confidenza con gli ambienti ed il clima della San Giorgio, mi sentii confermata nelle mie aspirazioni: è proprio una bibliotecaria che voglio essere da grande, dissi tra me e me.

sga

sgb

sg1

Quasi sette anni dopo torno in quella che, come potete vedere da alcune delle fotografie che ho scattato agli spazi, non solo sembra essere un’isola felice ma si sta ormai affermando come un paradiso per le comunità di utenti a cui essa, grazie ad uno staff coi fiocchi, rivolge i suoi servizi. E ci torno non per impegni lavorativi, ma per un seminario di studi dal titolo Una biblioteca per amica: gli “Amici della biblioteca” tra volontariato culturale e cittadinanza attiva, promosso durante i mesi primaverili all’interno del circuito professionale, dove il tema del Volontariato innesca frequentemente confronti piuttosto accesi.

“Il seminario intende dare la parola ad alcune “buone pratiche” maturate in Italia, affinché possano contribuire a creare quella massa critica di esperienze condivise che potrà accrescere la significatività dei singoli interventi locali e farne motivo di ispirazione per altre realtà che vogliano intraprendere il medesimo percorso. L’occasione del seminario permetterà anche di ricercare le declinazioni più corrette della presenza dei volontari nelle biblioteche, chiamati non già a sostituire gratuitamente il personale professionale, ma ad esercitare nuove forme di partecipazione attiva alla comunità locale che meritano di essere esplorate in tutte le potenzialità che già mostrano di avere.”
Si legge alla voce “scopo del seminario”.  Ed effettivamente è andata proprio così.

Massimo Belotti, direttore di Biblioteche oggi, ha introdotto i lavori esortando tanto i presenti in platea quanto chi ha potuto seguire l’iniziativa in streaming a passare da una concezione tradizionale di utenza semi-passiva, consumatrice di servizi e risorse, ad una in cui l’utenza stessa partecipa alla vita della Biblioteca ricoprendo un ruolo di supporto e di difesa delle occasioni di socialità e accrescimento personale/collettivo che istituti quali Archivi, Biblioteche e Musei possono offrire attraverso la Cultura, leva sociale per eccellenza.

L’assessore alla Cultura del Comune di Pistoia, intervenuto successivamente, oltre a portare gli accalorati saluti del Sindaco assente ha aggiunto che la San Giorgio da “biblioteca per tutti” è divenuta “biblioteca di tutti”, grazie anche agli Amici della San Giorgio, che contribuiscono con grande passione e spirito civico a far uscire la Biblioteca dalle mura, allungando le braccia dei suoi servizi verso le comunità che vivono il territorio ma che, per svariati motivi, possono non avere provato un immediato interesse per ciò che è in grado di proporre la Biblioteca.

“Occasione di condivisione e socialità che non deve però minare il professionismo ma integrarlo” è come Sara Nocentini, Assessore alla cultura della Regione Toscana, ha definito il Volontariato, accennando alla “Magna Charta del Volontariato per i Beni Culturali” come strumento che consenta di gestire al meglio rapporti e ruoli, nel rispetto e dei cittadini attivi e delle professionalità, sottolineando quanto la gestione condivisa possa recare valore aggiunto di natura culturale e sociale.

La museologa Elena Pianea, Dirigente della Regione Toscana del settore Musei, è entrata nel merito della Magna Charta illustrandone soggetti coinvolti, storia e tempi di ricerca e sperimentazione in aree archeologiche e musei, pubblicazione e diffusione sul territorio regionale e nazionale. La realizzazione del documento, nato dall’aver notato difformità di attività da parte dei gruppi di volontari nelle varie realtà archeologiche e museali e definito come una “collazione di regole condivise e proposte di comportamento”, ha comportato fasi di sperimentazione di progetti supportati da appositi momenti formativi (incentrati su modalità di accoglienza, comunicazione e normativa sulla sicurezza) frequentati in contemporanea da personale tecnico-scientifico e volontari, così da animare lo spirito di collaborazione in entrambe le sfere di attori e per renderli consapevoli che, all’interno della struttura pubblica, “venivano dunque a trovarsi dalla stessa parte del tavolo”.

Sandra Di Majo, presidente della sezione Toscana dell’AIB, ha accolto l’iniziativa come una stazione di partenza per avviare riflessioni interne all’AIB sulla tematica in oggetto, sottolineandone la complessa articolazione: i compiti del personale e quelli dei volontari devono essere distinti ma tali sfere incontrano talvolta momenti di vulnerabilità rappresentati, ad esempio, dalle procedure amministrative vigenti negli enti locali che possono ostacolare i dipendenti nella attuazione e gestione di iniziative che invece possono essere curate direttamente dagli “Amici”.

sg2

L’intervento di Antonio Galdo, giornalista e scrittore, ha fatto da quadro di sfondo al tema del seminario. Concentrandosi sulla necessità di definire nuovi paradigmi di sviluppo per affrontare il cambio d’epoca che stiamo vivendo, Galdo propone l’Economia della Condivisione come chiave di volta fondata sulle relazioni sociali ed umane che consentono di riscoprire la forza della partecipazione alla comunità, lontano dalle ideologie politiche che spesso hanno portato ad una mala gestione dei beni comuni. Per tal motivo, secondo lui, il dibattito sulla presunta nocività del volontariato è del tutto fuori luogo, anche e soprattutto perché “è necessario mettersi in testa che risorse umane ed economiche per gestire il settore pubblico non ce ne sono”. Il contributo dal basso risulta quindi essenziale a una nuova società della condivisione, come anche il fare rete per stringere relazioni che consentano, anche attraverso piccole donazioni, di sostenere il finanziamento di questo tipo di pratica sociale.

sg3

Giovanni Solimine, docente di Biblioteconomia all’Università La Sapienza di Roma, è intervenuto via Skype soffermandosi sulle nuove parole chiave che stanno alla base della Biblioteconomia sociale: Advocacy, Fundraising, Accountability. Il Bibliotecario di oggi deve alzare la testa dai documenti e dai libri per guardare alla sua comunità di utenti, rivolgendosi loro con un atteggiamento amichevole. Documenti e servizi bibliotecari sono un veicolo per stringere relazioni e alleanze con l’utenza, relazioni e alleanze sono il più prezioso ed irripetibile valore aggiunto di ogni Biblioteca. La solidità di tali relazioni non può prescindere dalla qualità dei servizi, del cui impegno economico la Biblioteca deve rendere conto alla collettività. Solo così, superando il ritardo sul versante della comunicazione, le istituzioni culturali possono mobilitare energie a sostegno del fundraising.

Rossella Chietti, presidente degli Amici della San Giorgio, incarna proprio quel rapporto di fiducia e riconoscenza che una comunità di utenti soddisfatti può instaurare con la propria Biblioteca: una volta andata in pensione e avendo molto tempo a disposizione,  Rossella ha colto l’opportunità di rimettersi in gioco che la San Giorgio le ha offerto,  condividendo le proprie letture e le proprie conoscenze con gli altri per dare senso alla propria vita ed a quella altrui. “Mai – dichiara Rossella a nome degli Amici – l’amministrazione comunale ci ha chiesto di sostituire il personale nelle sue mansioni specifiche”.

sg4

Massimo Coen Cagli, Scuola di Roma Fund-Raising.it, riprende parte dei concetti già affrontati da Antonio Galdo circa la cura dei beni comuni da parte delle associazioni di Volontariato (“scandaloso che nel mondo bibliotecario si possa ritenere che i volontari intendano sostituirsi al personale, è un’idiozia, un paradosso anche se è uno spauracchio giustificato da alcune situazioni critiche che effettivamente esistono ed è necessario chiarire”), che può davvero costituire un’occasione per produrre nuovo welfare se le Biblioteche accettano di rivedere la propria mission in nome di una società che ormai cresce secondo paradigmi diversi: le Biblioteche non hanno molti concorrenti in termini di strategie sociali, “perché non pensare di portare gli asili nido al loro interno e tra i loro servizi?”. Aggiunge, riprendendo l’intervento di Giovanni Solimine, che per fare fundraising la Biblioteca deve accrescere il proprio capitale relazionale facendo community e guadagnando fiducia da parte dell’utenza, grazie alla cui alleanza sarà poi possibile fare una politica sugli investimenti.

La vice-presidente dell’AIB, Maria Abenante, sottolinea quanto la sussidiarietà orizzontale possa integrare le potenzialità del servizio bibliotecario, e ricorda che dal sito web dell’AIB sono scaricabili le linee guida per l’impiego dei volontari all’interno delle biblioteche.

A questi primi interventi dei relatori è seguita una mezz’ora di tempo per consentire a chi volesse dire la sua della platea. Il presidente della delegazione CESVOT di Pistoia ha affermato che l’alto grado di disponibilità ed energia che circola nel campo può fare un salto di qualità ma, ha aggiunto, la realtà politica è sorda. Solo una persona, Natalia Piombino dell’AssoLettori della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, si è sentita di esprimere le proprie perplessità verso quanto era stato detto fino a quel momento, facendo presente quanto molte biblioteche statali e locali facciano grande appoggio sui giovani del Servizio civile per portare avanti le mansioni ordinarie che altrimenti sarebbero espletate con grandissima difficoltà (oppure non sarebbero espletate affatto), facendo poi riferimento anche alla vertenza dei precari operanti nel sistema bibliotecario fiorentino che però è stata smentita da una dipendente del Comune di Firenze anch’essa presente al seminario.

Dopo l’ottimo buffet che ha allietato la pausa pranzo, Paolo Traniello ha coordinato una tavola rotonda sulle esperienze di volontariato attivo nelle biblioteche storiche, statali e universitarie.

sg5

Lorenzo Baldacchini (Università degli studi di Bologna) ha riportato la storia di quelli che furono gli Amici della Malatestiana, sottolineando quanto sia importante per queste associazioni definire chiaramente la propria progettualità (a chi intendono rivolgersi, con quali obiettivi, con quali strumenti) anche per riuscire ad attirare finanziamenti, punto su cui si è concentrato molto anche Giovanni Fracasso degli Amici della Biblioteca Palatina, sottolineando l’importanza dei finanziamenti da parte di privati anche per sostenere interventi di restauro, lamentando la difficoltà di non riuscire a coinvolgere i giovani in questo tipo di esperienza che attecchisce meglio su persone dai 40-50 anni in su.

Paola Zanardi, degli Amici della Biblioteca Ariostea di Ferrara, ha raccontato delle loro attività di divulgazione, protezione, sostegno e finanziamento (libero da sponsor) tanto di interventi di restauro quanto di borse destinate a tirocini per giovani neodiplomati e neolaureati: “in ventidue anni di impegno e di empatia nei confronti della Biblioteca in quanto Istituzione, non ci siamo mai intrecciati alle mansioni del personale dipendente”, e vale la pena ricordare la propositività del suo appello: “parliamo di capitale relazionale non solo per le Biblioteche, ma anche per le associazioni di Amici, così da creare una rete e consentire la circolazione delle informazioni al di là delle singole realtà locali”.

Anna Siekiera ha presentato la storia degli Amici della Biblioteca Universitaria di Pisa, chiusa dall’amministrazione locale dal maggio 2012 in seguito al terremoto dell’Emilia. Gli Amici della BUP sono prevalentemente studiosi che tengono alta l’attenzione mediatica sulla vicenda che, a parer mio, senza il loro operato sarebbe finita nel dimenticatoio. La BUP sconta la maledizione del proprio nome (si chiama Universitaria perché profondamente legata alla storia dell’ateneo pisano, ma è statale, di competenza del MiBACT) e, per confermare quanto espresso da Solimine, l’incapacità di aprirsi al resto dell’utenza cittadina non accademica, che oggi non percepisce minimamente il dramma della sua chiusura.

sg6

Letizia Valli, responsabile del Multiplo di Cavriago, e Bianca Rosa Menozzi, rappresentante degli Amici del Multiplo, hanno presentato la felice esperienza del Multiplo: un centinaio di volontari dai 15 ai 70 anni mette in gioco le proprie competenze individuali per insegnare gratuitamente ciò che conosce bene a chi è interessato ad apprendere quelle conoscenze. Attraverso il protagonismo ed il senso civico attivo, la comunità ricorda all’amministrazione cosa ha valore per lei, così da mantenere l’attenzione sul bisogno sociale del Multiplo che, anche attraverso valida reputazione e importanti alleanze, raccoglie € 200.000 all’anno da aziende private che non ricevono in cambio alcunché: “Lo sviluppo non è solo questione di PIL ma anche di qualità, si tratta di garantire una vita buona” ha detto Letizia Valli.

Marilena Cortesini, bibliotecaria presso la Biblioteca civica di Cologno Monzese, ha ricordato quanto gli Amici possano essere un punto di riferimento per quegli utenti che, per varie ragioni di svantaggio, non si sono mai avvicinati alle tecnologie, così da istruirli ed aiutarli nel risolvere un gap.

Simona Turbanti, dottoranda all’Università La Sapienza di Roma, ha rievocato l’esperienza di volontariato professionale che, una volta laureata, fece al reparto automazione della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze: ha ammesso di aver ricevuto, da quell’esperienza, più di quanto lei abbia dato come volontaria.

Altri interventi sono seguiti, tra cui quello di chiusura di Stefano Parise, ma il tempo che avevo a disposizione per rimanere a Pistoia era terminato e così ho abbandonato (a malincuore) la bellissima San Giorgio per tornare a Pisa.

Il seminario “Una biblioteca per amica” ha effettivamente dato spazio a testimonianze e spunti relativi ad esperienze di cittadinanza attiva protagoniste di un rapporto equilibrato con il personale dipendente negli istituti culturali ma, personalmente, ho avuto come l’impressione che fosse tutto troppo “bello”, tutto rosa e fiori, una realtà in cui sono le criticità a rappresentare uno sparuto nucleo di eccezioni alla regola e non il contrario. Ho percepito la mancata volontà di riflettere sulle criticità per dare interamente spazio a intenzioni e fatti lodevoli, che a mio modo di vedere si discostano da ciò che accade tanto in biblioteche pubbliche (statali, comunali, scolastiche, carcerarie), quanto in archivi, aree archeologiche e musei. Credo che queste esperienze lodevoli, a cui ho assistito non senza rimanerne commossa (impossibile non pensare alla propria realtà locale o ad altre assai meno fortunate in termini di risorse economiche, intuizioni e senso di appartenenza da parte dei cittadini), potranno rappresentare un paradigma per le altre realtà solo quando il grosso del morbo (quello cioè delle amministrazioni pubbliche che, per risparmiare sulla spesa e illudere i cittadini di non tagliare un servizio ordinario, lo mettono nelle mani di gruppi di volontari) sarà estirpato. Vorrei che fosse chiaro una volta per tutte che i professionisti (o aspiranti tali) non hanno niente contro i cittadini che, in gruppo o singolarmente, dedicano le proprie energie ed i propri saperi al bene della collettività ma non possono non notare le contraddizioni e gli sprechi (perché Antonio Galdo potrà pensarla come vuole, ma di soldi se ne sprecano ancora e ciò vuol dire che non sono finiti) diffusi in un Paese che da decenni non sviluppa uno straccio di seria politica occupazionale nel settore culturale. Dovrebbe far riflettere molto di più il fatto che sono una netta minoranza i giovani che prendono parte a queste esperienze con entusiasmo e continuità.

Penso che la lungimiranza, a causa dei diffusi casi di mala gestione, ha assunto la forma di un animale in estinzione: meglio un volontario oggi, che un lavoratore qualificato e stabile domani. “Il lavoro non era l’argomento di oggi”, potrebbe osservare chi era con me la settimana scorsa a Pistoia. Beh, se non se ne parla mai o lo si fa sempre attraverso le solite retoriche, avete ragione, non serve proprio a niente.
D’altronde, come le solite retoriche ci insegnano, l’Italia è una Repubblica fondata sul Volontariato.

Francesca Pisano

Traduciamo l’IFLA Trend Report: done!

Standard

Ce l’abbiamo fatta!! Dopo circa due mesi di lavoro, abbiamo consegnato a la traduzione in italiano dell’  Insights Document di IFLA Trend Report che è ora disponibile sul loro sito.

La responsabile incaricata da IFLA, Ellen Broad, ci ha ringraziato via mail e pubblicamente per l’ottimo lavoro che non solo contribuisce alla promozione del documento, ma anche alla dimensione internazionale e multilingue del progetto.

Da parte nostra, un enorme grazie  va ai membri del gruppo Monica Achille, Chiara Consonni, Raffaela Damiani, Nadia Di Bella, Enrico Francese, Ilaria Gobbini, Elena Giusti, Manuela La Rosa, Edoardo Parisi, Maria Rita Santagata, Donata Saponaro, Caterina Spagnuolo, Elettra Tsikoudis, Lara Turchetto, che hanno messo a disposizione le loro competenze e il loro tempo (taaanto tempo); cogliamo inoltre l’occasione per ringraziare la traduttrice ed interprete Donata Pedralli che, in forma del tutto volontaria, ci ha dato una (grossa, grossissima) mano in fase di revisione ed editing del testo.

Una buona notizia sul riconoscimento delle professioni culturali in Italia

Standard

Approvata in via definitiva la proposta di legge 362 Madia-Ghizzoni-Orfini sul Riconoscimento delle Professioni culturali in Italia! Fondamentale traguardo comune a archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, restauratori di beni culturali e collaboratori restauratori di beni culturali, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologie applicate ai beni culturali, storici dell’arte. Esso rappresenta una tappa importantissima di un percorso che, speriamo, ci vedrà sempre più uniti e partecipi!

Trovate il testo completo della proposta qui.

Cosa ne pensate?